Cerca

ATTACCHI DI PANICO

Clicca per ingrandire
Se un certo livello di ansia è normale e fisiologico, l'ansia eccessivamente elevata rende difficile affrontare le diverse attività quotidiane. Diventa difficile concentrarsi, prestare attenzione, dormire, inoltre si vive in un costante stato di tensione che impedisce di godersi anche le situazioni potenzialmente piacevoli. L'ansia toglie la spensieratezza.

Quando poi l'ansia prende la forma degli attacchi di panico, l'esperienza diventa terribile. Già, "terribile" è il termine che la maggior parte dei pazienti con cui ho lavorato ha descritto quest'esperienza. Il cuore che galoppa, il senso disoffocamento, la paura di avere un infarto, le vertigini, la vista che siannebbia, il non sentire più le gambe [DSM-5]. Per alcuni, gli attacchi di panico diventano una vera e propria trappola, perché si iniziano ad evitare tutte quelle situazioni in cui si pensa possa verificarsi un nuovo attacco.

A ciò si aggiunge il fatto che gli attacchi di panico, i primi soprattutto, sembrano presentarsi in maniera improvvisa e inaspettata, colgono di sorpresa la persona, come un "fulmine a ciel sereno". Questo fa sentire vulnerabili, completamente in balia dell'ansia, come fosse in una sorta di prigione, e si fa largo l'idea di non potersi più muovere liberamente e tranquillamente, perché gli attacchi di panico sono "sempre dietro l'angolo".

Col passare del tempo, vivere con l'ansia e gli attacchi di panico diventa sempre più difficile, sembra impossibile trovare una via d'uscita, ma guarire dall'ansia e dagli attacchi di panico è possibile (e, generalmente, in tempi più brevi di quanto si pensi!).

COME POSSO ESSERTI D'AIUTO?
Sia in studio sia a distanza propongo dei percorsi volti a diminuire i sintomi di ansia e degli attacchi di panico, cercando di capirne le cause, fornendo delle strategie per evitare che si ripresentino in futuro e cercando di trovare insieme una soluzione a questo problema che adesso appare confuso e angosciante.

Le sedute individuali hanno il vantaggio di essere personalizzate sulla base delle caratteristiche del singolo e della sua storia di vita. Oltre a capire quali siano i meccanismi personali che scatenano gli attacchi di panico, si individuano le strategie più funzionali al superamento del problema. Ogni seduta ha una durata di circa 45 minuti, mentre la frequenza (settimanale o quindicinale) e la durata del percorso vengono concordate insieme, in base alle tue esigenze.

Le sedute di gruppo hanno il vantaggio di potersi confrontare con altri che vivono lo stesso tipo di problema. Sin dalla prima seduta si prende consapevolezza del fatto di non essere gli unici a soffrire di questo problema e questo consente di ridurre il giudizio negativo su di sè. Tramite il gruppo è possibile confrontarsi sulle strategie che meglio funzionano. Il gruppo sostiene e motiva, perché vedere gli altri che ce la fanno fa nascere il pensiero: "Allora, forse, posso farcela anche io!" [Cosentino et al., 2008]. Molti accedono al gruppo con timidezza, spesso poco convinti e con la paura di essere giudicati, ma in genere ci vogliono poche sedute per sperimentare quanto il gruppo sia un punto di forza per uscire dal problema. Vengono proposte 8 sedute, a cadenza settimanale, della durata di circa 90 minuti ciascuna.

Per ulteriori informazioni sul progetto "SOS Ansia e Attacchi di Panico" clicca QUI.

QUI trovi le testimonianze di chi ce l'ha fatta, perché uscire dal tunnel dell'ansia e degli attacchi di panico è possibile!

Se la questione ti ha colpito da vicino, vuoi ricevere maggiori informazioni o senti la necessità di intraprendere un percorso, contattami al numero 3454988428 o all'indirizzo mail alessia.romanazzi@goccedipsicologia.it .



Bibliografia:
  •  American Psychiatric Association (2014). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Quinta editione. DSM-5. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  • Cosentino T., Bove A. & Nicolò G. (2008). Terapia di gruppo per il disturbo da attacchi di panico. Cognitivismo Clinico, 5(2), 145-55.





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...